IMG 6053Finora è stata chiara la differenza tra essere sani o essere malati. Con la medicina del futuro ci sarà un mutamento e i confini tra le due condizioni si faranno sempre più sfumati".

Le osservazioni di Marianna Gensabella, che incontriamo al Festival di Bioetica (Santa Margherita Ligure, 29-30 agosto 2019) trovano riscontro nella nostra quotidianità. "Tra chi non è chiaramente definibile sano o malato vedo due categorie.

Dobbiamo fare prevenzione quando siamo sani, come sappiamo, ma ci sono resistenze perché, come sosteneva Kant, c'è differenza tra il sentirsi bene e lo stare bene, tra il sentirsi sano e l'essere sano. Il timore è quindi di scoprire qualcosa o di dover ulteriormente approfondire con altri esami, trovandosi nell'incertezza di essere un 'paziente non paziente'.

Sull'altro versante c'è chi è un po' più malato pur essendo ancora nel mondo dei sani: è il malato cronico, categoria in aumento anche per il prolungarsi della vita e per i progressi della tecnologia.

Non sono tutti uguali i malati cronici, hanno percorsi diversi per esempio un malato di leucemia e uno affetto da una patologia neurovegetativa".

Certamente la progressione delle varie patologie rende differente la cronicità.

A ciascuna diversa condizione corrispondono diversi bisogni di cura e trattamenti. "Curare i malati cronici costa molto, ma occorre investire ancora di più per evitare che le persone rinuncino a curarsi" conclude Gensabella.

ati statistici e ricerche raccontano, insieme alle cronache,

un futuro che è già qui da questo punto di vista. Il tema è tra gli snodi che politica, strutture sociosanitarie e società civile devono affrontare al più presto, con onestà intellettuale e lungimiranza.

L'auspicio è che, insieme, si sia all'altezza del non facile .

La Locandina del Festival scarica il programma  Partecipa al Festival
 Dove  interventi  Live Santa

                      

              

Istituto Italiano di Bioetica

Email: segreteria@istitutobioetica.it
Website: www.istitutobioetica.it

Piazza Verdi, 4/4 - 16121 Genova
Associazione iscritta al Registro
Regionale del Terzo Settore
Codice n. CL-GE-CST-1-1999
Decreto n. 354 del 01-03-1999