Benvenuti al Festival della Bioetica 2018

La Felicità per l’uomo, l’ambiente, gli animali!


“La felicità non è un obbligo ma una possibilità di vita secondo il ‘ben vivere’, una fioritura delle capacità personali che valorizzi il “prendersi cura” di sé, degli altri e del mondo”

csbf2018 Maria Galasso è attivamente coinvolta nell'organizzazione della parte artistica del Festival di Bioetica (Santa Margherita Ligure, 27 e 28 agosto 2018). È una conferma dell'impegno che, come critica d'arte e ricercatrice culturale, ha avviato nella passata edizione. Quest'anno continua il suo percorso attraverso l'organizzazione della mostra di pittura "Sguardi di felicità", con l'esposizione delle opere di Marisa Bertolotti, Matteo Delbene, Roberto Malinverni, Teresa Ruggiano.

interviste

Ci parli della sua ricerca per selezionare questi artisti e artiste. Con quali criteri li ha scelti e con quali obiettivi?
Nella seconda edizione del Festival di Bioetica saranno presentati artisti e artiste che hanno impostato il loro lavoro sulla ricerca della felicità, interpretata attraverso sguardi diversi. La scelta artistica ha tenuto conto della vitalità di elementi che appartengono ad una documentazione ricca e innovativa, alimentata da una tensione creativa e flessibile.
Il percorso della mostra presenta tappe legate all'osservazione, alla percezione, alle idee, al sogno. Sono tappe che si connotano come obiettivi di una conoscenza ampia, che vuole esplorare e sollecitare risposte del senso della vita, di come noi possiamo farne parte per ampliarne il significato.


Arte, colore, immagini... parole e categorie che evocano facilmente la felicità, anche se non è scontato. In che modo lei collega l'arte alla felicità?
La tematica della felicità che è insita alla mostra non è mai scontata. Si presenta come un viaggio esplorativo, teso a molteplici visioni e interpretazioni. Il vettore creativo e libero dell'arte fa sì che non ci sia una meta definitiva. In questo sta la felicità dell'arte.

Nel programma è previsto, nella seconda giornata, uno spazio in cui lei intervisterà gli artisti. Cosa le interessa che riescano ad esprimere? Che contributo porteranno al Festival di Bioetica?
Saranno domande che, credo, essi si fanno costantemente. Perché dipingo? Cosa voglio rappresentare? Che sentimenti provo? È possibile - attraverso le immagini e il colore - parlare, pensare e comunicare? Mi interessa entrare in modo graduale e curioso nei loro percorsi, pur sapendo che nessuno, meglio di ciascun artista, può parlare di se stesso. Credo che ciascun artista porterà al Festival un contributo significativo, aperto al dialogo e al confronto. L'arte in questa specifica progettazione desidera declinarsi in tante arti, in tanti linguaggi culturali, in tanti modi di essere e di agire.

Cosa è per lei la felicità?
Me lo chiedo molte volte, sentendomi triste e felice nello stesso tempo. Triste perché la felicità non è un valore assoluto, ma felice proprio per questa sua relatività che mi sprona a cercarla e a farne parte.

000000665
000000666
000000664
truggiano

loc2018 home page

l Festival di Bioetica, giunto alla sua seconda edizione, vuole portare un suo contributo di idee e riflessioni per la sfida del futuro: come raggiungere la FELICITA’ individuale e collettiva attraverso una cittadinanza planetaria che sappia elaborare proposte e carte dei diritti, progettare istituzioni sovranazionali capaci di tracciare le nuove frontiere della giustizia.

Nella prima giornata si parlerà di ben vivere declinato secondo l’approccio delle capacità teorizzato dal premio Nobel per l’economia Amartya Sen. Approfondiremo l’idea di fioritura umana, il godere di livelli essenziali di benessere e, soprattutto, la possibilità di sviluppare quelle capacità – salute, affettività, immaginazione, pensiero, ecc. – che appartengono a tutti gli esseri umani.

Nella seconda giornata vedremo come le conoscenze attuali richiedano una riflessione che tenga conto della rete di relazioni che ci collega alla natura e agli animali, anche in proiezione futura, e che oltrepassi il contesto degli Stati nazionali
La Locandina del Festival scarica il programma  Partecipa al Festival
 Dove  interventi  Live Santa

                      

              

Istituto Italiano di Bioetica

Email: segreteriaiib@gmail.com
Website: www.istitutobioetica.org

Piazza Verdi, 4/4 - 16121 Genova
Associazione iscritta al Registro
Regionale del Terzo Settore
Codice n. CL-GE-CST-1-1999
Decreto n. 354 del 01-03-1999